Bhutan, il regno del drago tonante, dal 26 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019


Spritualità, meditazione e Yoga in Bhutan

Viaggio/seminario Condotto da Selene Calloni Williams

Ho viaggiato in Bhutan molte volte e molto a lungo in passato, è uno dei luoghi al mondo che più amo, il solo che abbia ancora il tantrismo come religione ufficiale.
Il contatto con i Lama (monaci di tradizione Vajrayana) e i Tulku (maestri illuminati reincarnati) mi ha sempre dato molto.

Ritorno in Bhutan dopo diversi anni e lo faccio mettendo a frutto l’esperienza accumulata, la quale mi dice che il periodo migliore per visitare il Bhutan è proprio a cavallo tra dicembre e gennaio, quando il caldo non è ancora arrivato e sopratutto non sono ancora arrivati i turisti. In questo periodo, non turistico, i monaci e i monasteri sono più disponibili, la pace e la vastità dei paesaggi e dei monasteri è godibile fino in fondo. 

Il Bhutan è chiamato “Il paese delle nevi” e va visto in questo periodo: il tempo del “vero Bhutan”.

Durante il viaggio condurrò personalmente un seminario sulla tradizione sciamanico-tantrica della non-dualità, l’erotica sciamanica, la mistica sciamanica e la poetica sciamanica.

Oltre a ciò avremo modo di intrattenere scambi con lama e tulku che ci saranno d’aiuto. Incontreremo anche uno sciamano tantrico seguace del “folle divino”, uno yogin e sciamano del XVI secolo.

Un voyagesillumination è sempre un’avventura della coscienza!

Selene Calloni Williams

Guarda le foto dei precenti viaggi in Bhutan

Leggi l’articolo: Bhutan, il paese della felicità interna lorda

Leggi l’articolo della giornalista Silvia Turrin

Attenzione: la partecipazione è subordinata ad un colloquio e il numero dei partecipanti è limitato.

Un’avventura studiata per chi vuole trovare lo spazio e la pace per praticare la meditazione e conoscere la spiritualita’ del Bhutan, visitando i suoi monasteri e templi. Organizeremo anche una visita da un lama ’trulku’. Abiamo previsto 3 giorni a Punakha per yoga e meditazione in un tempio nascosto tra gli alberi.
Un viaggio ideale anche per coloro che amano le visite culturali e l’immersione nella vita quotidiana
della gente. Avremo tempo a disposizione per fare bellissime passeggiate da un villaggio all’altro e incontrare la gente locale, osservandone le abitudini.

Programma

1° giorno ARRIVO a PARO. TRASFERIMENTO ALLA CAPITALE, THIMPHU (2.300m.)
Sul volo verso Paro potremo godere di una splendida vista dell’Everest, del Kanchenjunga e delle cime dell’Himalaya orientale. All’arrivo trasferimento a Thimphu (1 ora).
Visita guidata della città di Thimphu. Si visiteranno il tempio di “Changgangkha” (XII sec.) dove i genitori vengono a trovare ispirazione per un nome ben augurante per i loro neonati. Visita anche alla riserva dei Takin, curioso animale endemico del Bhutan, il cui aspetto ricorda una mucca dal muso caprino. Nella serata visita al Memorial Chorten, uno degli edifici religiosi più notevoli di Thimpu. Costruito nel 1974 in onore del 3° Re, jigme Dorji Wangchuk è considerata dai locali il fulcro delle loro preghiere quotidiane. Ogni giorno persone di ogni estrazione sociale pregano ritualmente intorno a questo stupa. Rientro in albergho e cena.
Pernottamento a Thimphu

2° giorno THIMPHU. L’ARTIGIANATO E GLI DZONG (MONASTERI).
La giornata inizia con una visita alla gigantesca statua del Buddha in posizione panoramica sulla città. Visita al Museo Etnografico, che, in stile tradizionale, fornisce uno spaccato della vita giornaliera delle popolazioni bhutanesi. All’Istituto per le 13 Arti Tradizionali (Zorig Chusum) gli studenti imparano una delle 13 arti fra cui Scultura e Pittura Buddista o Ricamo su Seta.
Per chi è interessato alla Medicina Tradizionale Erboristica è possibile una visita all’ Istituto di Medicina Tradizionale con una presentazione organizato appositamente per il gruppo da un dottore specialista (un “drungtsho”). In alternativa, al Museo dei Tessuti si possono apprendere aspetti della complessa Arte della Tessitura della Seta, che è parte fondamentale della cultura bhutanese. Infine visita al maestoso Thimphu Dzong (Trashichodzong), un edificio/fortezza sede di uffici governativi e del corpo monastico che comprende una serie di templi.
Tempo permettendo durante il giorno, passeggiata in città con possibile visita all’ufficio della Posta con delle collezioni di francobolli dove è anche possibile creare un proprio francobollo!
Cena al ristorante e pernottamento a Thimphu.

3°giorno PARTENZA PER PUNAKHA (1.200 metri): I TEMPLI E IL FOLLE DIVINO. (3h e ½).
INCONTRO COL TRULKU E LUOGO PER ISTRUZIONE IN MEDITAZIONE E YOGA.
Partenza per Punakha per una mattinata di visite guidate nella valle. Sosta al passo Dochula (3.000 m.) prima discendere ad un altitudine di 1.200 m.


Nel pomeriggio proseguimento per la visita del Chimi Lhakhang (1.200m) che venne edificato dal Lama Drukpa Kunley, conosciuto anche come “il Folle Divino”, che scacciava i demoni con la sua “Saetta Magica”.”

Pranzo in una casa tradizionale nel centro del villaggio.

Proseguimento al tempio del trulku nascosto tra gli alberi. Incontro con il Lama.  Meditazione e seminario con Selene.  In serata rientro in albergo cena e pernottamento a Punakha.

4° giorno MEDITAZIONE MATTINUTA E VISITA ALLO DZONG DI PUNAKHA.
Mattinata di nuovo con il trulku e seminario con Selene
Nel pomeriggio, dopo pranzo, proseguiremo in direzione di Punakha Dzong, che era, fino al 1954 la vecchia capitale del Bhutan. Il Punakha Dzong, costruito tra il 1637 e il 1638, è la residenza invernale dei monaci. L’edificio, di dimensioni maestose, si trova alla confluenza dei fiumi Pho Chhu e Mo Chhu. Nel 1907 lo Dzong di Punakha fu la sede dell’incoronazione del primo re del Bhutan: Ugyen Wangchuck.

Bhutan, Punakha Dzong

Escursione a piedi fino  allo stupa Khamsum Yulley Namgayal con viste sul fiume Punatsangchu e sulla meravigliosa vallata. Rientro in albergo e cena. Pernottamento a Punakha.

5° giorno MEDITAZIONE MATTINUTA ED ESCURSIONI NELLA VALLE DI PUNAKHA. OPZIONE
RAFTING.
Mattinata di nuovo al tempio del trulku e seminario con Selene.
La valle di Punakha, a 1.200 metri altitudine è un luogo magnifico per fare delle escursioni a piedi o in macchina e visitare i villaggi, piccoli monasteri e fattorie.
Possibilità di fare 2 ore di rafting sul fiume (da prenotare in anticipo). Rientro in albergo e cena.
Pernottamento a Punakha.

6° giorno TRASFERIMENTO E VERSO LA VALLE DI PHOBJIKHA (2.800 metri, 4 ore)
Partenza per Phobjikha (4 ore). Visita del monastero di Gangtey e di una “shedra”, scuola per giovani monaci. Possibilità di offrire un pranzo e mangiare con loro. Possibilita’ di prendere parte alle attività spirituali dei monaci di Gangtey Goempa.

Di seguito visita al Centro Informazioni della Società Reale per la Protezione della Natura (RSPN), dedicato alla rara gru dal collo nero. Possibilità di escursioni a piedi nella valle dove, durante l’inverno, si possono osservare questi uccelli nel loro habitat. Rientro in albergo e cena. Pernottamento a Phobjikha.

7° giorno VIAGGIO DA PHOBJIKHA A PARO (7 ore)
Giornata dedicata al trasferimento a Paro. Durante il viaggio ci fermeremo per scattare foto e per una breve passeggiata. Pranzo durante il viaggio. Cena in hotel. Pernottamento a Paro

8° giorno VISITE CULTURALI A PARO: LO DZONG, IL MUSEO DI PARO.
Paro è riuscita a mantenere quasi intatto il suo carattere bucolico: la sua valle è punteggiata da borghi e fattorie isolate che si mimetizzano nel paesaggio dai caratteristici colori della foresta. La giornata e’ dedicate alle visite guidate. Attraverseremo a piedi il ponte che porta all’ impressionante Rinpung Dzong, il principale dzong della città, nel quale furono ambientate molte scene del film Il Piccolo Buddha di Bernardo Bertolucci. Possibilitò di anche il museo di Paro e, a richiesta, di incontrare un lama esperto di astrologia. In serata, tempo libero a disposizione in città. Cena in hotel.
Pernottamento a Paro.

9° giorno ESCURSIONE MATTUTINA AL NIDO DELLA TIGRE: UN AUTENTICO PELLEGRINAGGIO.
Mattinata dedicate alla visita, a piedi o a cavallo, del monastero di Taktsang, icona del Buthan. Noto anche col soprannome di “Tana della Tigre”, Taktsang e’ un prominente sito sacro e un complesso di templi del buddismo himalayano, a picco sulla parete rocciosa, ad un altitudine di 3.000 metri. La costruzione del complesso di templi ebbe inizio nel 1692 attorno alla caverna di Taktsang Senge Samdup, dove il Guru Padmasambhava si dice avesse meditato per tre mesi nell’VIII secolo.

Bhutan

Padmasambhava (Guru Rimpoche) è ancora oggi ritenuto colui che introdusse il buddismo nel Bhutan ed è adorato pubblicamente in tutto il paese. Il tempio a lui dedicato, è una struttura elegante costruita attorno all’originaria caverna nel 1692 da Gyalse Tenzin Rabgye ed è divenuto in seguito una delle principalii icone culturali dello stesso Bhutan.

Questa escursione richiede 2 ore a piedi in salita. La visita al tempio e il ritorno alla base richiedono altre 2 ore. Non è per esperti, ma richiede una buona forma fisica. Pranzo al rientro.

Nel pomeriggio trasferimento in auto alla fortezza in via di restauro del Drugyel Dzong, da dove si gode la vista del monte Jhomolhari e lo scenario rurale della valle con i suoi piccoli villaggi e fattorie sparse. Al ritorno in città sosta e visita al Kyichu Lakhang, uno dei templi più antichi del Bhutan.
In serata: a scelta, un massaggio o un “hot stone bath” presso una delle spa  degli hotel di Paro per rilassarsi dopo questa giornata! Oppure tempo libero a disposizione per visitare la città.
Cena conclusiva  in una casa tradizionale immersa nella campagana (con opzione di uno spettacolo di
danze culturali con  bonfire). Pernottamento a Paro.

10° giorno VOLO di RIENTRO
Dopo la prima colazione trasferimento in aeroporto e partenza. Tashi Delek!

N.B. Il programma può subire variazioni

N.B. la partecipazione è subordinata ad un colloquio e il numero dei partecipanti è limitato. Richiedi la scheda dettagliata del viaggio scrivendo a info@voyagesillumination.com