Tibet


Il Paese delle Nevi

Vaga nei deserti di neve,
nella solitudine degli aridi monti
e sprofondati nella contemplazione.

GUARDA LE FOTO

ITINERARI:

Si dice che qui, tra le bianche vette himalayane, si trovi il mitico regno di Shamballa, la Terra degli Illuminati. Esiste davvero e vi si accede attraverso un passaggio che è, al tempo stesso, dentro e fuori di noi, nel corpo e tra queste cime, le più alte al mondo.
Che la chiave per Shamballa si trovi nei testi del Tibet mistico, nei canti dei poeti, degli eremiti, degli yogin tantrici che qui vissero e meditarono? Forse negli scritti di Guru Rimpoche e della sua sposa, Yeche Tsogyel, la Danzatrice del Cielo, o in quelli della poetessa Ma gcig Labrong, del magico Naropa e del suo mitico maestro Tilopa, oppure dei loro diretti discepoli, Marpa e il poeta eremita Milarepa.
Qui, dove l’inconscio dell’uomo è la terra stessa, ecco l’invito della mistica Ma Gcig:

Si vada errando senza sosta,
tra lande desolate e luoghi di ritiro.
Si stia come lo spazio, privo di dubbi e paure.
Senza dubbi e paure nell’immensità.

In Tibet nasce spontaneo il bisogno di liberarsi dal conosciuto e guardare di nuovo, come bambini, al mondo e alla vita. Fermare i venti del Karma, dicono i grandi maestri dell’Himalaya: sottrarsi dalle conseguenze predefinite delle nostre azioni, rilanciare il proprio destino. Un altro tiro di dadi.
In una terra di dèi, demoni, demonesse, orchesse e spiriti selvaggi, personificazioni di forze naturali ostili, gli antichi mistici sono maghi o sciamani capaci di ogni sorta di prodigio, compresa quello di volare nell’aria. Così, Padmasambhava, il Guru Rimpoche, il maestro prezioso, personaggio leggendario che ebbe il merito di portare il tantrismo dall’India al Tibet, compiendo un percorso da Katmandu ai piedi dell’Everest, nel suo viaggio, esorcizzò e sottomise i demoni, signori della terra, che incontrò sul cammino. Le tecniche, descritte nei testi tantrici, sono le stesse che i lama usano e insegnano nei riti e nelle meditazioni: la vittoria sugli spiriti della natura, del resto, è tutt’uno con quella sulle forze dell’inconscio.
Nel nostro viaggio, ripercorreremo il tragitto compiuto da Padmasambhava, su una strada che sale a tornanti tra le montagne più alte del mondo, tra cascate e precipizi di cui non si vede la fine, alberi svettanti e cascate, che si intravedono tra i vapori e le nuvole. Ci metteremo sulle tracce del ngakpa e dello sciamano, canali attraverso cui gli spiriti parlano.
I ngakpa, per lo più eremiti, sono maestri dello yoga tantrico e depositari della tradizione Dzogchen, la via dei Tantra più elevati, la più rapida e intensa. Ritenuti dalle popolazioni locali degli psicopompi, ovvero conoscitori del post mortem, vengono chiamati al capezzale dei defunti perché accompagnino l’anima nei mondi del transito che, secondo lo yoga tantrico, si estendono tra una morte e la successiva rinascita. Chiave segreta dell’arte del morire è nel non avere paura e mantenere, in morte come nel transito, un’attenzione vigile e costante.
Lo sciamano è un guaritore, un conoscitore dei segreti profondi del corpo e dell’anima, che ha appreso per via estatica e rivelazione, non attraverso i libri. Specialista dell’estasi, della trance, degli stati ampliati di coscienza, i suoi maestri sono gli stessi dèi e demoni di cui il Tibet è ricchissimo e lo sciamano è un illusionista che estrae dai corpi dei propri pazienti la malattia senza praticare ferite e si traveste per incarnare il proprio spirito guida e ricevere i suoi insegnamenti.
Infine, ci muoveremo tra gli altopiani fino alla capitale e al Potala, residenza abbandonata dal Dalai Lama in esilio.

Un Paese in uno sguardo

Il Tibet, detto Tetto del Mondo dato che l’altitudine media è di 4900 metri, è un Paese dai confini mobili, e combattuti, tra Cina, India e Regione Autonoma del Tibet. Dopo l’invasione della Cina, nel 1950, il Dalai Lama scelse l’esilio volontario in India. Da allora rivendica per il suo popolo il ripristino degli antichi confini nazionali e l’indipendenza dal governo cinese.
L’occupazione della Cina ha significato infatti per il Tibet repressione culturale e una brutale volontà di cancellazione nei confronti dei simboli tradizionali: sin dalla rivoluzione culturale maoista, oltre al massacro sulla popolazione, non si contano i monasteri demoliti, i monaci incarcerati e le proibizioni verso i funzionari pubblici di professare la loro religione. Il vandalismo nei luoghi sacri era all’ordine del giorno. Ancora oggi, il cinese resta lingua ufficiale e il tibetano non si può insegnare oltre una certa età.
Situato sull’omonimo altipiano, il Plateau tibetano, gran parte della catena dell’Himalaya si trova nel suo territorio. Così, il clima è rigido e ventoso, con un’escursione termica tra giorno e notte che supera i 30°C, precipitazioni ridotte, rarissime e concentrate nella stagione estiva. Il resto dell’anno è molto secco con abbondanza di neve d’inverno. Nella capitale, Lhasa, situata a 3595 metri sul livello del mare, le temperature massime oscillano da qualche grado sopra lo zero d’inverno ai 25°C d’estate, mentre le minime toccano i -15°C.
La popolazione tradizionale è costituita da tibetani più qualche gruppo etnico minore -monpa, lhoba, mongoli e hui- anche se, dopo l’annessione del Tibet, il governo cinese ha spinto molti cinesi a trasferirsi qui. Le stime, naturalmente, discordano: il governo tibetano in esilio afferma che vi è una maggioranza di non tibetani, viceversa, il governo cinese sostiene che la Regione Autonoma del Tibet è abitata al 92% da Tibetani e, pur ammettendo percentuali più basse nelle altre zone del Tibet storico divenute cinesi, smentisce ogni accusa.
Il Tibet è il centro tradizionale del cosiddetto buddhismo tibetano, forma distintiva del buddhismo vajrayana, praticato anche in Mongolia e nella Siberia meridionale. Accanto alla religione ufficiale, sopravvive lo yoga tantrico e i suoi riti iniziatici. Gli antichi testi tantrici descrivono la conquista di questa terra da parte degli yogin paragonando le loro imprese a esorcismi di demoni e demonesse: è la rappresentazione di una natura impervia e ribelle alla conquista, silenziosa e potente.
Così, i monti sacri del Tibet inchiodano alla terra i corpi delle demonesse, attraverso cui l’energia sessuale prorompe. Non è difficile, viaggiando, vedere all’improvviso, nei luoghi più impensati, pile di sassi e pietre: sono i chorten, o stupa, montagne simboliche, chiodi, o pugnali rituali che tengono a bada le forze indomabili della terra sottostante.