KHAKASIA – SIBERIA dal 16 al 25 luglio 2014


La chiamata dei tredici sciamani

KHAKASIA, ТUVA, REGIONE DI KRASNOYARSK Dal 16 al 25 luglio 2014

VIAGGIO E SEMINARIO ITINERANTE CON SELENE CALLONI WILLIAMS

Ogni giorno un momento rituale con Selene Calloni Williams, ogni giorno un’avventura geografica e interiore, nella Medesimezza di anima e natura.

Intraprendere un cammino di scoperta dei quattro angoli del pianeta è già di per sé un’esperienza di trasformazione interiore, se la si compie in modo consapevole, aprendosi all’altro e a culture diverse. Se poi l’itinerario è accompagnato da conoscenze sciamaniche, allora il viaggio si trasforma davvero in una potente esperienza estatica, in grado di arricchire la propria coscienza a livello inconscio. Questa esperienza poetico-estatica è ciò che propone Voyagesillumination, officina di viaggi etnologici e spirituali fondata dalla psicologa, ricercatrice, nonché studiosa delle filosofie orientali e delle culture sciamaniche Selene Calloni Williams. Autrice di molti libri, tra cui “Iniziazione allo Yoga Sciamanico”, la dott.ssa Calloni Williams da anni s’interessa di pratiche sciamaniche, compiendo numerosi viaggi in Asia, in quelle terre dove ancora si possono incontrare sciamani, depositari di antiche conoscenze. Tra questi luoghi figura la Siberia, territorio che negli stereotipi comuni appare come una landa estrema, difficile da attraversare, difficile da scoprire. Per intraprendere questo percorso è fondamentale essere accompagnati da una persona esperta, capace di raccontare il vero volto della Siberia,la sua storia, le usanze dei popoli che si incrociano lungo il cammino, una persona capace di spiegare le pratiche sacre compiute dagli sciamani. Dopo tanti viaggi in questa terra, Selene Calloni Williams è una guida esperta, con alle spalle una profonda conoscenza dei luoghi che si visiteranno e delle tradizioni sciamaniche siberiane. Questo viaggio è quindi un’occasione unica per entrare nel cuore della Siberia e nelle sue più arcaiche, spirituali tradizioni. Il viaggio permetterà ai partecipanti di addentrasi nelle conoscenze più arcaiche della Siberia, legate non solo ai rituali sciamanici, ma connesse anche all’antica tecnica del canto difonico che crea suggestive vibrazioni. Si conosceranno inoltre aspetti paesaggistici, storici e archeologici. Chi avrà letto gli scritti di Mircea Eliade potrà osservare direttamente la spiritualità e i rituali sciamanici da lui raccontati.

download

PROGRAMMA DI VIAGGIO 10 giorni, 9 notti

16 luglio Arrivo ad Abakan. capitale della Khakasia. incontro con la guida. Colazione. Trasferta alla base turistica «Leopardo delle nevi» (330 km).Sulla via, visita all’unico museo russo dedicato al monolite «Ulug-Khurtuiakh Tas».Pernottamento, Pranzo. Bania. Tempo libero. Cena.

17 luglio Colazione. Gita alla roccia sciamanica di Uttug-Khaia (pietra della speranza)*. Cerimonia per gli spiriti di Uttug-Khaia e ringraziamento. Trasferta a Chadan. Pernottamento in albergo, cena.

18 luglio Colazione. Visita al museo Bujan-Badyrgy e visita al locale monastero buddista. Incontro con monaco. Cerimonia per gli spiriti del tempio.Pranzo. Trasferta al complesso etno-culturale «Aldin Bulak». Alloggio in yurta.

19 luglio Trasferta a Kizil (45 km). Gita in bus della città di Kizil con visita all’obelisco «centro dell’Asia», al museo nazionale della Repubblica di Tuva, all’esposizione «Tesoro di Arzhaan», al tempio buddhista di «Zecheling» («Tamburo della Speranza»)

20 luglio Colazione. Trasferta al camping dove si terrà il festival internazionale. Pranzo. Incontri con sciamani. Cena. Apertura del Festival internazionale «La Chiamata dei Tredici Sciamani», Kamlania (cerimonia sciamanica) intorno al fuoco, misteri, concerto di canti gutturali. Alloggio in loco.

21 luglio Colazione. Canto del mantra mattutino nello stile Khoomej. Danze dell’aquila. Comunicazioni con gli spiriti delle montagne per fare spazio e dar tempo alla meditazione. Visita di tre cliniche sciamaniche a Kizil. Pranzo. Incontro con M.B. Kenin-Lopsanom. Incontri con sciamani. Incontro con alcuni dei principali cantanti gutturali tuvani. Master-class di respirazione olotropica. Cena. Misteri degli sciamani: comunicazione con gli spiriti del fuoco.

22 luglio Colazione. Canto del mantra mattutino nello stile Khoomej. Danze dell’aquila. Incontro con professore di storia, e il professore di filologia, docente all’Accademia Russa V.I. Kharitonovoj. Pranzo. Incontro con sciamani. Incontro con cantanti gutturali. Incontro con il direttore Khoomej del Ministero della Cultura di Tuva Z.K. Kyrgiz. Incontro con il cantante gutturale, nonché grande sciamano del Cielo Nero, principale organizzatore del Festival dei tredici sciamani N.M. Oorzhak. Cena. Concerto; danza sciamanica intorno al fuoco.

23 luglio Colazione. Canto del mantra mattutino. Danza dell’Aquila. Comunicazione con gli spiriti dell’acqua sulle sponde del fiume Enisej. Ritorno alle tre cliniche sciamaniche. Pranzo. Incontro con sciamani. Lezione sul risveglio della forza di guarigione interna (Arzhaanov) da parte dell’esperto di storia tuvana M.S. Maadir. Incontro con principali cantanti gutturali Incontro con il professore di filosofia dell’Università Statale di Tuva e Direttore del progetto universitario sui popoli nomadi, nonché studioso di buddhismo presso l’Istituto di Cultura Buddhista russo e deputato al Parlamento della Repubblica di Tuva, N.V. Abaevim. Cena. Concorso di divinazione.

24 luglio Colazione. Canto del mantra mattutino. Danza dell’aquila. Incontro con maestri Khoomej. Pranzo. Visita al museo Aldan Maadir di Chadan ed escursione al tempio Ustuu-Khuree. Cerimonia per gli spiriti del tempio.Cena. Incontro coi ‘Tredici Sciamani del mondo’ per l’inizio della loro meditazione. Discussione intorno al fuoco per scoprire i misteri degli sciamani e dei loro metodi di meditazione nella scoperta del futuro della Terra. Canti e danze. Ritorno ad Abakan alla sera e alloggio in albergo.

25 luglio Colazione e trasferimento all’aeroporto per il volo di rientro.

download (2)

N.B. IL programma può subire variazioni!

La partecipazione è strettamente subordinata a un colloquio.